Il Progetto

Scarica il Comunicato Stampa in PDF

Un manuale di lettura dei classici scritto da liceali in collaborazione con detenuti; un Museo del Paesaggio popolato da memorie, voci, odori e sapori da chi il territorio e il paesaggio lo abita; un festival artistico organizzato da una cordata di NEET; una passeggiata sensoriale dedicata a chi il paesaggio può vederlo con qualcosa di diverso dagli occhi. Un’avventura fatta di eventi, un anno non convenzionale alla riscoperta dei luoghi culturali del comasco, sulle orme del Grand Tour.”

Il territorio comasco sta vivendo una fase di grande attività turistica e culturale: secondo il Sistema Camerale, la provincia di Como è terza in Lombardia per flusso di turisti e segna un +23% di presenze nel decennio compreso tra il 2007 e il 2016.
Tuttavia, l’offerta culturale è rivolta soprattutto a pubblici che hanno già una attitudine al consumo di prodotti e servizi legati alla fruizione del patrimonio. Mancano invece proposte rivolte ai pubblici più marginali, con bisogni specifici legati alla fruizione (per barriere architettoniche, territoriali, disabilità, limiti linguistici e di formazione) e più vicini a esperienze culturali in forma relazionale.

La cultura è una leva strategica per favorire l’inclusione sociale, contrastare le disuguaglianze e le discriminazioni. In questo senso, Grand Tour 2.0 è il progetto che si vuole assumere il ruolo di connettere enti territoriali e culturali del territorio per realizzare occasioni di fruizione relazionale tra pubblici tradizionali e pubblici marginali. Ciò, attraverso una serie di azioni progettate per favorire tale integrazione in un’ottica di valorizzazione del territorio e del suo patrimonio, protagonista e insieme catalizzatore del progetto.

Grand Tour 2.0 è un progetto di Associanimazione – Associazione nazionale per l’animazione sociale e culturale, in partnership con L’Associazione La Bottega Volante, Il Comune di Tremezzina e il Museo della Seta di Como.Finanziato dal Bando Partecipazione Culturale 2018 di Fondazione Cariplo.

OBIETTIVI DEL PROGETTO

Il progetto si propone due obiettivi generali:

– Favorire l’accesso a beni e luoghi culturali del territorio comasco, facilitando la partecipazione dei pubblici fragili, con iniziative in grado di valorizzare la dimensione esperienziale e relazionale della fruizione culturale
– Coinvolgere consumatori abituali di cultura in iniziative non convenzionali che stimolino in loro il desiderio di praticare in modo nuovo un contesto già noto, condividendo questo scambio con inusuali compagni di avventura.

ATTIVITA’ PREVISTE

  • Libri di Evasione: la lettura come esplorazione di sè e del mondo oltre la barriere. Leggere dentro e fuori dal carcere utilizzando i classici ambientati sulle sponde del Lago di Como come ponte per unire due mondi. I detenuti del Carcere Bassone e gli studenti degli Istituti Scolastici riflettono insieme sulla grande letteratura, mentre La Feltrinelli di Como diventa teatro di questa restituzione pubblica.
    A cura di La Bottega Volante
  • L’essenziale è invisibile agli occhi:linguaggi non visivi al Museo della Seta.
    Il Museo della Seta di Como apre le porte a pubblici tradizionalmente esclusi, promuovendo la costruzione di un percorso tattile e sensoriale dedicato ai non vedenti. Inoltre l’esperienza prevede anche il coinvolgimento attivo di persone con disagio psichiatrico facenti capo all’Associazione Oltreilgiardino.
    A cura de Il Museo della Seta di Como
  • La cultura CoNEETte: giovani in dialogo tra arte e impresa.

È  possibile riattivare i giovani NEET attraverso una proposta culturale che li metta a sistema con coetanei artisti? E cosa succede se nello stesso contenitore vengono coinvolti anche i giovani imprenditori? Un festival non convenzionale dove il fine è cooperare per realizzare cultura.
A cura di Associanimazione

  • La cultura come rete lunga di connessione: abitanti delle aree interne del lago.
    Il Museo del Paesaggio del Lago si apre alle testimonianze sensoriali degli abitanti del target 15-30 anni dell’area interna, per arricchire la collezione e l’esperienza museale attraverso la restituzione della percezione del territorio.

A cura di Comune di Tremezzina

Oltre alle attività specifiche sopraindicate, Grand Tour 2.0 offrirà al territorio comasco alcune importanti opportunità di sviluppo, in particolare

  • Una sessione di formazione esperienziale dedicata a tutti gli operatori culturali coinvolti nelle azioni specifiche.
  • Una passeggiata creativa a cura di Pietro Berra per aprire alcuni luoghi nascosti del centro storico alla fruizione da parte di pubblici svantaggiati.
  • Una campagna di attivazione della società civile sui temi della fruizione culturale aperta, con una raccolta fondi rivolta ai principali stakeholder in target.

COME PARTECIPARE

  • Navigando sul sito www.grandtourduepuntozero.it
  • seguendo la Pagina FB Grand Tour 2.0 e partecipando a tutti gli eventi aperti alla cittadinanza
  • donando sul conto di Associanimazione – Banca Etica

contattando info@grandtourduepuntozero.it