L'essenziale è invisibile agli occhi

Passeggiata in braille: Como con occhi diversi

Conduce Pietro Berra. Visita tattile al Museo della seta a cura del direttore Paolo Aquilini e dello staff del Museo. Letture di Mauro Fogliaresi. Esperienze ludico/sensoriali con gli alberi a cura di Maria Jose Cerezo e Mirna Ortiz.  Con la partecipazione straordinaria di Mattia Conti, autore del romanzo “Di sangue e di ghiaccio” (Solferino, 2018).

Sabato 8 giugno ore 10-13, Como, dal Museo della Seta al parco del San Martino – Partecipazione gratuita con iscrizione obbligatoria al link

“Bisognerebbe amarsi in braille… / Sentire l’amore con le dita e in rilievo / toccare perdutamente la vita…” scrive Mauro Fogliaresi, poeta comasco, che da oltre vent’anni è attivo come operatore culturale all’interno del compendio dell’ex ospedale psichiatrico San Martino di Como. Seguendo questa suggestione, e un filo di seta, compiremo un itinerario da vivere con tutti i sensi, che potrà essere fruito tanto da chi vede come da chi non vede. Si parte dal Museo della Seta di Como, che nell’occasione inaugura il nuovo percorso tattile pensato per i non vedenti, e si prosegue nel vicino parco del San Martino, guidati dalla narrazione e dalle letture di Pietro Berra (giornalista e poeta, curatore del progetto Passeggiate Creative), dagli alberi dell’immenso parco di 300mila metri quadri, testimoni della storia drammatica di questo luogo, ma anche garanti di un futuro in cui, si spera, verrà finalmente aperto alla fruizione collettiva.

Intanto, per un giorno diventa uno spazio di incontri e di (ri)scoperta fuori dal comune. Durante il percorso verrà realizzata una piccola esperienza sensoriale in natura sotto la guida delle coach Maria Jose Crezo e Mirna Ortiz. Mentre Mauro Fogliaresidarà una testimonianza poetica legata tanto al passato quanto al presente di questa eccezionale collina ai margini della città. Con la partecipazione straordinaria di Mattia Conti, autore del libro “Di sangue e di ghiaccio” (Solferino), una dei migliori romanzi italiani del 2018, che racconterà la genesi della sua opera e ne leggerà alcuni brani ambientati proprio nel parco del San Martino (“Le pagine dedicate alla struttura manicomiale, basate su autentica documentazione d’archivio comprese le cartelle cliniche, hanno una verosimiglianza accorata e visionaria”, ha scritto Corrado Augias su “Il Venerdì di Repubblica”).

A cura di associazione Sentiero dei Sogni, con la collaborazione di Museo della Seta di Como e associazione Oltre il Giardino Onlus. Nell’ambito del progetto “Grand Tour 2.0” promosso da Associanimazione – Associazione nazionale per l’animazione sociale e culturale, in partnership con L’Associazione La Bottega Volante, Il Comune di Tremezzina e il Museo della Seta di Como.Finanziato dal Bando Partecipazione Culturale 2018 di Fondazione Cariplo.

La foto di copertina è di Gin Angri, fotoreporter e attivista dell’associazione Oltre il Giardino.